Bloccati a Nanutarra Roadhouse

Bloccati qui. Ora tutto bene.A circa 350km da qualsiasi cittadina ritenuta tale. Una roadhouse a farci da casa. <Questa è l’Australia>. E noi ne sappiamo qualcosa, ti fermi per fare benzina e senti uno strano rumore, strani odori arrivano dal motore e le mie gambe iniziano a ballare. Un cuscinetto della cinghia quasi completamente andato nel mezzo del niente australiano. La fortuna è essere arrivati in questa specie di autogrill/benzinaio/campeggio che in Australia chiamano Roadhouse, e unico luogo dove il telefono prende il segnale.
Ok, la macchina non si può muovere, iniziano tutte le opzioni possibili: continuare? Il problema è che non ci sono altre aree di sosta da qui ad almeno 150km, e anche il segnale telefonico scompare sorpassati i 5km dalla roadhouse. Provo a chiamare dei carroattrezzi, il costo per portarci al primo paesino va dai 700$ in su e ovviamente non prima di domani. Ne prenoto uno che ci porterebbe a Onslow. Iniziamo a parlare con i camionisti che si fermano per la

sosta notturna, uno di loro ci dice che il cuscinetto è rovinato ma potremmo provarci a raggiungere Onslow da soli. Dopo poco arriva Matt, il grande Matt. Un inglese che lavora alla roadhouse, <ragazzi ma siete qui fermi da tutto il giorno, qualcosa non va?>. Sì. La macchina non può andare, il cuscinetto è quasi andato, vogliono di soldi per il carro attrezzi, non sappiamo cosa fare. Matt ci dice che magari in magazzino potrebbe avere il pezzo che serve a noi. Ci guardiamo, un po’ più tranquilli, chiamo il carroattrezzi e lo disdico. Capiamo che in un modo o nell’altro possiamo farcela da soli. Robi e Nichi smontano il pezzo, lo danno a Matt che va a verificare se la misura può andar bene. Speranzosi aspettiamo, intanto il sole si prepara per la notte, camionisti e viaggiatori iniziano a riempire li spazi desolati del grande parcheggio della roadhouse. È chiaro che in Australia nessuno vuole viaggiare di notte, nemmeno noi. 

Matt torna, la misura è sbagliata, ma ci propone un’alternativa: domani mattina alle 11 stacca e potrebbe accompagnare uno di noi a Onslow a prendere il cuscinetto della misura che serve. Grande Matt. È l’opzione più valida fino a d’ora e la più economica. Il sole tramonta e l’inglese ci porta sulle rive di un piccolo fiume poco distante, ci rilassiamo e ci convinciamo che non possiamo rischiare di viaggiare di notte e con un cuscinetto quasi andato e realizziamo che spenderemo la notte in macchina. Beviamo l’unica birra rimasta con un pacchetto di patatine, nessuno a voglia di cenare. Ci buttiamo in macchina e seduti, scomodi, rannicchiati cadiamo nelle braccia di Morfeo. 

Finalmente l’alba ci sveglia. Robi inizia subito a parlare con qualche camionista, gli mostra il cuscinetto e uno di loro ci dice che probabilmente dietro la roadhouse hanno macchine rotte dalla quale potremmo ricavare il pezzo che ci serve. Neanche a dirlo, arriva Matt e ci propone di andare a dare un occhio a queste macchine. <Vi, andiamo a smontare macchine e vediamo>. Robi e Nichi spariscono nel retro, rimango lì a caricare il telefono e a guardare persone che vanno e vengono, viaggiatori solitari, famiglie, lavoratori. Tutti in quel luogo sperduto in Australia, ognuno con la sua storia e la sua avventura. Qualcuno mi sorride, senza sapere che sono in attesa, aspetto buone notizie. Dopo un oretta vedo arrivare i ragazzi e da lontano riesco a vederli sorridere, il pezzo c’è! Trovato da un Discovery, un piccolo anello che si incastra perfettamente al nostro e per un attimo amo quei piccoli sporchi pezzi di metallo. I ragazzi corrono a montarlo sulla nostra Jeep e funziona! Dopo 24h in quel posto possiamo andarcene, da soli e senza alcuna spesa!


Ringrazio i camionisti gentili e pieni di consigli.

Ringrazio Matt che ci aiutato come nessuno.

Ringrazio i miei compagni di viaggio che hanno usato la mente e le mani e hanno rimesso in sesto la nostra Jeep.
Info utili per il roadtrip:

I camionisti sono i migliori a cui chiedere consigli di meccanica e sono felici di poter dare una mano.
Portatevi sempre una cassetta degli attrezzi quando fate un roadtrip, specie in Australia.
È probabile che nel retro delle roadhouse possiate trovare macchine abbandonate e rotte da cui si possono prendere pezzi di ricambio.
Prossima tappa: Karijini National Park! 

(Dita incrociate)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s